Home Cronaca Scuola, niente assunzioni e obbligo vaccinale: scatta la protesta a Palermo

Scuola, niente assunzioni e obbligo vaccinale: scatta la protesta a Palermo


Redazione

Ad organizzare la manifestazione i Cobas: diversi i motivi della protesta, dai precari alla sicurezza

scuola

Venerdì mattina alle ore 9.30 a Palermo è in programma una protesta da parte della scuola per chiedere il rinnovo immediato del contratto collettivo nazionale. Ad organizzarla i Cobas, la manifestazione prenderà il via da piazza Castelnuovo.

Nel comunicato i Cobas spiegano i motivi di questa protesta: “Dopo decenni di tagli alla scuola e due anni di emergenza, l’esecutivo Draghi prosegue, in linea con i governi precedenti, nell’attacco al diritto all’istruzione e ai lavoratori/trici della scuola. Infatti, nonostante l’enorme disponibilità di fondi europei, le scelte economiche del governo Draghi mettono nero su bianco, nel PNRR e nel disegno di legge di bilancio 2022, la persistente volontà di finanziare l’istruzione pubblica al di sotto della media OCSE (-24 miliardi) e umiliarne il personale“.

Personale precario e mancanza di sicurezza nelle scuole: “Non c’è la necessaria stabilizzazione del personale precario, docente e ATA – continua la nota -. Manca la  riduzione strutturale del numero di alunni/e per classe, così come manca un piano reale di intervento, immediato e protratto nel tempo, per risanare e mettere a norma gli edifici scolastici. Non ci sono reali interventi sulla sicurezza, specie in pandemia, ma assistiamo all’indegno balletto di circolari contrastanti su contagi e quarantene“.

COVID E VACCINI A SCUOLA

In relazione all’emergenza pandemica e all’obbligo vaccinale, i Cobas non hanno dubbi: si tratta di violazione del diritto al lavoro e all’istruzione. “In questo contesto il governo cerca di mascherare le proprie carenze rovesciando su docenti e ATA provvedimenti contraddittori e assurdi: da un lato allenta le misure anticovid nelle scuole (distanziamenti, tracciamenti, quarantene, ecc…) dall’altro impone la vaccinazione obbligatoria per una categoria che è già vaccinata al 95% e lavora in presenza con una massa di persone, studenti e studentesse, non vaccinate né controllate! Fermo restando che noi riteniamo la campagna di vaccinazione e la sospensione dei brevetti sui vaccini strumenti molto importanti, anche se non unici, per combattere la pandemia, consideriamo la vaccinazione obbligatoria per docenti ed Ata un errore, visto che, applicato a lavoratori/trici viola il diritto al lavoro e al reddito mentre se lo si volesse applicare a studenti e studentesse, violerebbe il diritto all’istruzione“.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Potrebbero interessarti