Home Cronaca Scuole di Palermo senza ascensori: scaduto contratto di manutenzione

Scuole di Palermo senza ascensori: scaduto contratto di manutenzione


Redazione

" Tutti i dirigenti scolastici hanno ricevuto la nota che li obbliga a non fare utilizzare gli ascensori, penalizzando, così, coloro che hanno difficoltà a deambulare e impedendo il diritto allo studio dei disabili" dichiara il consigliere Ottavio Zacco

ascensori

Scuole dell’Infanzia ed elementari di Palermo sono rimaste senza ascensori. Lo scorso 8 ottobre è scaduto il contratto di manutenzione e pronto intervento con la ditta privata che si occupava della gestione degli ascensori nei plessi scolastici di pertinenza del Comune. Solo il 26 ottobre, però, il Servizio di edilizia scolastica ha pubblicato una circolare di stop all’utilizzo degli elevatori. “Venendo a mancare l’affidamento a ditta specializzata per la manutenzione degli impianti elevatori presenti nelle scuole si comunica che è vietato mantenere in esercizio un ascensore senza l’affidamento di manutenzione a ditta abilitata. Per quanto sopra esposto si comunica che l’Amministrazione Comunale, in qualità di ente proprietario, con la presente circolare inibisce l’utilizzo degli ascensori/impianti elevatori presenti nei plessi scolastici e negli asili“.

Scuole di Palermo senza ascensori: “Ennesima dimostrazione di superficialità”

Una situazione che ha creato non poche polemiche. “Ci troviamo di fronte all’ennesima dimostrazione della superficialità con cui vengono governati settori importanti della città. Tutti i dirigenti scolastici hanno ricevuto la nota che li obbliga a non fare utilizzare gli ascensori, penalizzando, così, coloro che hanno difficoltà a deambulare e impedendo il diritto allo studio dei disabili. Nessuno sapeva della scadenza, nessuno sapeva che bisognava avviare l’iter per il rinnovo? Sicuramente, ora, l’amministrazione comunale dirà che la colpa è di qualche altro, magari del consiglio comunale o, addirittura, di chi ha necessità di utilizzare gli ascensori, invece di vergognarsi e chiedere scusa alla città. Affronteremo la discussione con i responsabili politici e andremo fino in fondo per scoprire le responsabilità, perché nessuno può giocare con i diritti dei disabili”. Queste le dure parole del consigliere Ottavio Zacco.

Sembrerebbe comunque che il Comune sia già a lavoro per fari riattivare subito il servizio degli ascensori con un nuovo contratto di manutenzione.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Potrebbero interessarti