Home Cronaca di Palermo Si gira un film a piazza Pretoria, annullato sit-in autisti idonei in attesa di assunzione da Amat

Si gira un film a piazza Pretoria, annullato sit-in autisti idonei in attesa di assunzione da Amat


Elian Lo Pipero

La manifestazione era in programma mercoledì mattina

amat

A Palermo a piazza Pretoria sono iniziate da due giorni le riprese del film “I leoni di Sicilia”, per tale motivo il sit-in organizzato dagli autisti idonei al concorso Amat previsto per mercoledì 19 ottobre è stato annullato.  Venerdì è previsto un incontro tra i sindacati e il sindaco della città Roberto Lagalla per cercare di sbloccare la situazione della partecipata, principalmente la questione legata allo scorrimento della graduatoria del concorso per autisti Amat del 2019. 

Amat e Comune temporeggiano, intanto il trasporto pubblico di Palermo è un disastro

Quella del trasporto pubblico palermitano è un’emergenza che non può più attendere. Mentre i cittadini pagano lo scotto dell’avere su strada solo una settantina di mezzi – spesso in ritardo o pieni fino all’inverosimile -, gli aspiranti autisti AMAT attendono speranzosi, dopo la vittoria del concorso, l’assunzione.

Il presidente della partecipata Michele Cimino si mostra disponibile a prendere parte ai due tavoli. “Parteciperemo con piacere ai tavoli tecnici, che speriamo siano delle conferenze di servizio come prevede la normativa di settore”, dichiara a Palermo Live. “Siamo fiduciosi, abbiamo già rappresentato le nostre necessità”, commenta poi in merito alla situazione complessa che l’azienda si trova al momento a vivere.

Tra disservizi ai cittadini e idonei al concorso che aspettano l’assunzione da mesi, ecco che c’è anche un’altra data che si profila all’orizzonte. È quella del 21 ottobre, quando le sigle sindacali AMAT incontreranno il sindaco Roberto Lagalla. Un confronto che scaturisce dalla richiesta di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil-Trasporti, Faisa-Cisal, Ugl-Trasp, Cobas-Trasporti e Orsa-Trasporti, che, nonostante l’apprezzata disponibilità dell’assessore Carta e del vicesindaco Carolina Varchi, lamentano le condizioni in cui versa il trasporto pubblico palermitano. 

“Purtroppo, anche stavolta, nonostante i buoni propositi, l’Azienda AMAT allo stato attuale non è neanche nelle condizioni di garantire un minimo di servizio e di sicurezza nel trasporto urbano, perdendo anzi, giorno dopo giorno, produzione chilometrica, risorse economiche ed affidabilità e le 78 vetture giornaliere che si riescono a mettere su strada, sono, ahimè, la prova evidente di in un tracollo contestualizzato a cui non si pone rimedio“. Così affermano in una nota i sindacati.

AMAT, i sindacati: “Servono nuove assunzioni”

Si sottolinea quindi sulla necessità di nuove assunzioni ai fini di un rilancio reale dell’azienda. “Il 30 settembre u.s. su proposta dell’Assessore Prof. Maurizio Carta è stato deliberato dalla Giunta Comunale il “nuovo” documento di Risanamento e Rilancio di AMAT; una sola riedizione di un pregresso documento, stavolta al ribasso per Amat, ma che comunque ha l’ardire di spendersi per un rilancio aziendale ma che “monco” dell’intervento di efficientamento del personale e quindi dell’assunzione dei rimanenti autisti idonei del concorso espletato, compromette ed inficia qualsivoglia possibilità di risanamento e rilancio aziendale“.

A sottolineare la necessità di nuovi lavoratori è anche il consigliere Concetta Amella (M5s), recentemente intervenuta sulla questione. “La nota dell’assessore Carta è di buon auspicio – ha dichiarato – ma occorre procedere senza altro indugio all’immediata assunzione dei 104 autisti che da mesi attendono lo scorrimento della graduatoria, ad una articolata e capillare riorganizzazione interna del personale e alla modifica del contratto di servizio. Solo così AMAT e Amministrazione potranno mettere in atto un serio programma di rilancio dell’azienda a garanzia della dignità di tutti i lavoratori e del miglioramento del servizio offerto ai cittadini”.  

Insomma, il tempo scorre ma sembra che non si pervenga ancora ad una soluzione che possa imprimere una forte battuta d’arresto al processo di declino del trasporto pubblico palermitano. Intanto si attende. Attendono gli idonei, che in alcuni casi hanno anche rifiutato altre occasioni lavorative nella speranza di essere assunti da AMAT. Attendono i cittadini, ormai abituati a stare alla fermata dell’autobus per un tempo indefinito.  

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti