Home Dal resto della Sicilia “Soggetto fragile a rischio”: dipendente regionale torna in smart working

“Soggetto fragile a rischio”: dipendente regionale torna in smart working


Redazione

Il tribunale di Messina ha riconosciuto a un dipendente regionale il diritto di tornare in smart working perchè considerato "fragile", quindi più a rischio di contagio Covid

caporalato

Il Tribunale del Lavoro di Messina ha accolto il ricorso cautelare di un dipendente regionale, considerato “soggetto fragile”, e ha ordinato alla Regione Siciliana di rimetterlo immediatamente in smart working, visto il repentino aumento dei contagi da Covid-19.

“E’ una grande vittoria per il nostro sindacato e per tutti i lavoratori considerati fragili”. Lo dicono Giuseppe Badagliacca e Angelo Lo Curto che, con l’avvocato Giusy Maria Binaggia del Foro di Palermo, hanno promosso il ricorso. “La Regione, così come tante altre Pubbliche Amministrazioni, ha disatteso le leggi rimandando in ufficio anche chi, per le proprie condizioni di salute, è maggiormente esposto ai rischi da contagio di Covid-19. La norma statale parla chiaro: fino al 31 dicembre per i lavoratori fragili la modalità ordinaria di svolgimento del servizio è quella agile e non in presenza”, spiegano i due sindacati.

Il giudice Aurora La Face ha pertanto ordinato alla Regione di autorizzare il lavoratore in modalità agile sino alla fine dello stato d’emergenza. “Ci spiace che alla Regione abbiano deciso di infrangere la legge esponendo tanti dipendenti a inutili rischi. Adesso siamo pronti a promuovere ricorsi in tutta la Sicilia a tutela di chi è fragile. Non solo dipendenti della Regione ma anche di Comuni, ex Province e Pubbliche Amministrazioni. Invitiamo tutti i dipendenti a promuovere azioni legali per far valere i loro diritti”.

Potrebbero interessarti