Home Cronaca Solidarietà, a Palermo una giornata dedicata a circa 200 indigenti

Solidarietà, a Palermo una giornata dedicata a circa 200 indigenti


Redazione

Pranzo gratuito e cabaret, con estrazioni premi ed esibizioni musicali

indigenti

Un pranzo gratuito e una giornata all’insegna della gioiosa condivisione, con estrazioni premi, cabaret, esibizioni musicali e doni per i bambini. 

È l’iniziativa promossa e organizzata dal gruppo Karol,  con la collaborazione della Arcidiocesi di Palermo, della Caritas, dei Cavalieri di San Lazzaro, delle suore vincenziane e di Santa Maria Ausiliatrice, e del gruppo Zaharariz. Protagonisti circa duecento indigenti di tutto il territorio palermitano, che si sono ritrovati nella sala ricevimenti della Tonnara Florio di Palermo, per pranzare e condividere momenti di spettacolo, in cui si sono alternati estrazioni premi, animazione e consegna di regali speciali ai bambini presenti. E c’è stato spazio anche per la comicità e il sano divertimento, con lo spettacolo dell’attore palermitano Ernesto Maria Ponte, che ha intrattenuto il pubblico con battute e sketch del suo repertorio.

A servire ai tavoli il presidente della Karol, Marco Zummo. E ancora Pierluigi Matta, Giuseppe Canzone e Paolo Tronca, dell’ordine dei Cavalieri di San Lazzaro. I quali hanno portato i saluti del gran Bali’ Pino Zingale, e ancora padre Raimondo Abbandoni, padre Sergio Ciresi e padre Mario Magro. A coordinare la parte artistica è stato il maestro Pippo Balistreri, direttore di palco di Sanremo e direttore artistico del gruppo Zaharaziz. Il quale ha voluto offrire il suo contributo per questa causa nobile. 

PRESIDENTE KAROL: “AL FIANCO DEI PIU’ DEBOLI”

“La solidarietà è sempre stata- spiega Zummo, presidente della Karol – una delle nostre priorità. Il nostr obiettivo è di stare al fianco dei più deboli. Per questo abbiamo voluto dedicare una giornata agli indigenti, per regalare un sorriso a chi non può permettersi di godere serenamente delle festività natalizie. Un piccolo gesto – conclude- che vale tanto in questo momento dove alla disperazione per la mancanza di possibilità economiche si aggiunge anche lo sconforto per la crisi sanitaria drammatica che siamo vivendo”. Gli indigenti che hanno partecipato alla giornata solidale hanno effettuato tutti il tampone, compresi i bambini,  prima di accedere alla struttura. 

Potrebbero interessarti