Home Cronaca Spaccio di droga tra Palermo e provincia: cinque arresti

Spaccio di droga tra Palermo e provincia: cinque arresti


Redazione

Controlli nel week end da parte dei Carabinieri contro lo spaccio e la detenzione di sostanze stupefacenti. In manette anche un minore che spacciava davanti una scuola

droga

Cinque arresti, sequestrati 350 gr di stupefacente tra cocaina, hashish e marijuana, oltre a quasi 1.000 euro in contanti quali presunto provento dell’attività di spaccio. E’ questo il bilancio dei controlli dei carabinieri portati avanti nel week end tra Palermo e provincia.

SPACCIO DI DROGA DAVANTI ALLA SCUOLA

A Cefalù davanti una scuola i militari hanno tratto in arresto per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti uno studente 17enne residente nel comune palermitano, già noto alle forze dell’ordine, trovato in possesso di 100 grammi di hashish già parzialmente confezionati per la vendita. L’arrestato si trova presso un centro accoglienza per minori. La droga sequestrata. invece, è stata inviata al Laboratorio Analisi del Reparto Operativo di Palermo per le verifiche ponderali e qualitative.

Per il medesimo reato, i militari della Stazione di Montelepre hanno arrestato un 21enne incensurato. Durante la perquisizione nel suo domicilio, hanno recuperato più di 100 grammi di “erba” e 120 euro in banconote di piccolo taglio. Gli altri tre arrestati dai Carabinieri della Compagnia San Lorenzo e dai colleghi della Compagnia di Monreale, con il supporto di un’unità cinofila del Nucleo di Palermo-Villagrazia, sono stati ristretti, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

In Corso dei Mille a Palermo in un’aiuola del verde pubblico i militari hanno rinvenuto una pianta di marijuana alta circa 1,5 metri. Si è proceduto a estirparla e sono in corso delle indagini per rintracciare i responsabili. Infine, sono una decina le persone segnalate alla Prefettura di Palermo come assuntori di sostanze stupefacenti per uso non terapeutico.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Potrebbero interessarti