Home Economia e lavoro Stretta su monopattini, sigarette e smartphone al volante

Stretta su monopattini, sigarette e smartphone al volante


Redazione

Tra i partiti c'è chi propone l'addio alle carrozze trainate dai cavalli, non solo le cosiddette "botticelle" romane.

Si profila un decreto infrastrutture integrato quello presentato alla Camera dai partiti. C’è chi propone l’addio alle carrozze trainate dai cavalli, chi si concentra sul divieto di fumo alla guida e chi sulla riproposizione del bonus taxi, decisamente allargato rispetto alla versione del 2020. Proposta anche l’estensione temporale del foglio rosa da 6 a 12 mesi. La Lega invece chiede di alzare il limite di velocità in autostrada a 150 chilometri orari (se a tre corsie e dotata di specifiche apparecchiature di calcolo della velocità). C’è invece unanimità di pensiero tra le forze politiche, riguardo una stretta sui monopattini. Una vera e propria stretta che, in tanti punti vede la coesione delle forze politiche italiane.

LE SANZIONI PREVISTE

Nella stretta, il divieto di fumare mentre si è al volante, così come lo stop alla circolazione delle carrozzelle trainate dai cavalli, rientra nelle proposte del Movimento 5 Stelle che chiede, tra l’altro, anche l’inasprimento delle multe per chi utilizza non solo apparecchi radiotelefonici, ma nello specifico anche «smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante». L’idea è di passare ad una sanzione compresa tra 422 e 1.697 euro (dalla forbice attuale di 167-661 euro), con in più la sospensione della patente da 7 giorni a due mesi. Nel caso di ulteriore violazione nel corso di un biennio viene proposta una maximulta da 644 a 2.588 euro e la sospensione della patente da uno a tre mesi.

CINTURA OBBLIGATORIA A BORDO DEGLI SCUOLABUS


Forza Italia propone invece le cinture obbligatorie a bordo degli scuolabus su tutto il territorio nazionale, mentre l’allungamento della validità del foglio rosa a dodici mesi è legata alla possibilità, richiesta in modo bipartisan, di poter affrontare l’esame di guida tre volte e non più due. Una stretta dopo l’altra insomma.
Il ritorno del bonus taxi e Ncc in città, introdotto nella conversione del decreto Rilancio per le persone con disabilità o con patologie accertate (poi potenziato nel decreto Agosto dello scorso anno), riguarderebbe invece nelle intenzioni praticamente di tutti gli schieramenti anche le famiglie «più esposte agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19.

COME UTILIZZARE I BUONI

Chi «utilizza il trasporto pubblico non di linea tra le ore 7:00 e le ore 10:00 dei giorni feriali, le persone “che effettuano spostamenti in ragione della propria attività lavorativa o di volontariato di natura sanitaria, o sociosanitaria, o socioassistenziale, o nell’ambito dell’istruzione ed educazione, ovvero donne in gravidanza, ovvero tutti gli over 55, ovvero nell’ambito del piano vaccinale». L’emendamento specifica inoltre che i buoni sono utilizzabili, fino ad un massimo del 50% della dotazione per ciascun comune beneficiario, dai mobility manager relativamente agli spostamenti casa scuola e casa lavoro.

Potrebbero interessarti