Home Lifestyle Valanga di critiche su Striscia la notizia: Ambra Angiolini bullizzata?

Valanga di critiche su Striscia la notizia: Ambra Angiolini bullizzata?


Redazione

Valerio Staffelli ha consegnato il celeberrimo tapiro all'ex volto di "Non è la Rai", reduce dalla relazione con l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri. Un episodio di cattivo gusto che non poteva che suscitare critiche sotto vari aspetti. A difendere la madre anche la 17enne Jolanda Renga.

striscia

Striscia la notizia suscita ancora le critiche del grande pubblico. Stavolta al centro della bufera la consegna dell’ormai noto “Tapiro d’oro” ad Ambra Angiolini. Il motivo? La fine della relazione di quattro anni con l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri.

Dopo l’indiscrezione della rivista “Chi”, che attribuisce la rottura ad un tradimento dell’allenatore, Valerio Staffelli si è presentato, dunque, a Milano per la consegna del premio satirico. Ambra è stata al gioco, ha ironizzato, ma quella scena impietosa non poteva passare inosservata.

“Davvero necessario infierire?

A prendere le difese della madre è stata Jolanda, figlia nata dall’unione con il cantante Francesco Renga. La diciassettenne ha scritto su Instagram: “Oggi la mia mamma ha ricevuto un Tapiro in seguito alla pubblicazione di vari articoli sulla fine della sua relazione, ma il motivo non mi è chiaro”.

La giovane si interroga: “So bene che, in quanto personaggio pubblico, secondo alcuni è giusto che la sua vita, anche quella privata, venga sbandierata ai quattro venti, ma è davvero necessario infierire? Perché venire da lei a Milano? Perché non andare a Torino? Perché si è fidata della persona con cui stava e con cui ha condiviso quattro anni della sua vita? Ed Anche se, questa persona, alla fine si è rivelata diversa, la colpa è di chi si fida o di chi tradisce la fiducia e tradisce in ogni senso possibile? Cosa c’è di riprovevole o ‘perdente’ nel fidarsi e nell’amare?”.

Jolanda conclude: “Quando si gioca si sta al gioco, sono d’accordo, ma questo non mi sembra il caso. E ditemi quello che volete, che sono pesante, che non so scherzare, che faccio questioni su problemi inesistenti, che i problemi veri sono altri ma a me non fa ridere. La sofferenza delle altre persone non mi diverte. E sì, mi sento di dirlo perché c’è di mezzo la mia mamma, ma lo penso a prescindere”.

Una lezione di dignità e maturità da parte dell’adolescente, che ha fatto presto a divenire virale. Tra l’altro, non pochi hanno espresso critiche nei confronti di Vanessa Incontrada, paladina delle donne, che ha prestato la sua voce al servizio di Striscia. L’attrice è infatti al momento alla conduzione del tg di Antonio Ricci, insieme ad Alessandro Siani.

Il post di Selvaggia Lucarelli

Sulla questione con un post su Instagram ha detto la sua anche Selvaggia Lucarelli. “Quello che ho visto ieri non mi è piaciuto. Ieri il tapiro consegnato vis a vis non era una sorpresa, aveva più il sapore di un agguato. C’era una donna che non stava solo vivendo la fine di una storia, ma la stava vivendo da personaggio pubblico, con la sua intimità sbattuta sui giornali e particolari mortificanti. Un tradimento, la fine di un amore sono già dolori affrontati tra le pareti di casa, figuriamoci se se ne parla anche ai semafori. Non fa meno male, se sei famosa da quando avevi 14 anni, no“.

“Il presentarsi sotto il posto di lavoro di questa donna con un microfono e infierire con battute da bar (“mica lui la tradisce con Dybala?), ridacchiare, trattare la faccenda come fosse una rissa tra soubrette, ricordare che lui- il maschio alfa- le donne le tradisce con virile serialità, mi è parso davvero crudele. Per giunta, col morto ancora caldo”.

La Lucarelli rincara la dose. “E una cosa la voglio dire anche a Vanessa Incontrada: quante volte ti abbiamo sentito lamentarti della crudeltà dei media, cara Vanessa. Dei media che sfruculiano la tua vita privata, che giudicano il tuo corpo. Ieri potevi tirarti fuori da questa trattazione così spietata della vicenda. Tendere una mano ad Ambra. E invece non solo grasse risate, ma già che c’eri hai pure mandato un saluto all’allenatore, come se si fosse appena usciti da una gag, anziché dal girare il coltello in una ferita aperta. Pensaci la prossima volta in cui ti lamenterai della crudeltà del sistema con le donne, perché ieri ne hai fatto parte anche tu. E adesso, caro Valerio, attendiamo il tapiro al maschio alfa, mi raccomando. (e un mazzo di rose per Ambra, magari)”.

Le parole di Laura Chiatti

Valanga di critiche nei confronti di Striscia, insomma. Solidarietà giunge ad Ambra Angiolini da più parti. L’attrice Laura Chiatti, ad esempio, su Instagram ha espresso il suo disappunto per il servizio andato in onda ieri sera. “Esiste una sostanziale differenza tra satira e cattivo gusto. Viviamo in un paese dove ci si batte costantemente per i diritti e la tutela delle donne attraverso i mezzi di comunicazione, quando poi ci rendiamo conto che spesso sono proprio i mezzi di comunicazione, se utilizzati in maniera sbagliata, i primi ad involvere ogni progresso e a denigrarci calpestando ogni forma di buonsenso e dignità”.

“Essere un personaggio pubblico – ha aggiunto – consiste nell’essere esposti al giudizio altrui , ma non da a nessuno il diritto di poter offendere, insultare o deridere ciò che non ha nulla a che vedere con l’aspetto professionale e che fa parte di una sfera privata che va tutelata sempre sopra ad ogni cosa. Il tapiro forse andava consegnato all’uomo che evidentemente non ha avuto nessun tipo di riserbo nella tutela della propria compagna o ex. A lei va solo tutta la mia stima per essere riuscita nonostante tutto a non perdere l’ironia”.

Il post di Francesca Barra

Sostegno anche da parte della giornalista Francesca Barra. “Questo è il Paese che non va dal Mister Allegri, dal “maschio”a dare il tapiro di Striscia. Ma dalla donna, la parte chiaramente più in difficoltà. Questo è il Paese delle grandi battaglie, della solidarietà femminile, dell’empatia. Del “ti faccio male e poi ti sfotto cantando una canzoncina”, perché tutto finisce sempre cosi, per sembrare un gioco. Questo è il Paese che consegna il tapiro non per uno sfondone, un errore, ma per una questione sentimentale privata, delicata, forse ancora da elaborare e che sicuramente fa soffrire Ambra. Così ci pensa Jolanda, sua figlia, a rispondere lucidamente e a far capire che no, non è affatto un gioco. A loro , Ambra e Jolanda, non va un tapiro, ma una Coppa. E poi magari qualche scusa”.

Non resta ora che attendere quale sarà, se vi sarà, la prossima mossa di Striscia la notizia.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti