Home Cronaca di Palermo Teatro Politeama, sindacati sul piede di guerra: indetta protesta prima del concerto di Capodanno

Teatro Politeama, sindacati sul piede di guerra: indetta protesta prima del concerto di Capodanno


Redazione PL

I sindacati Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Fials Cisal chiedono le dimissioni del commissario, del sovrintendente e del direttore artistico

teatro politeama

I sindacati Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil e Fials Cisal hanno indetto per il 1 gennaio una manifestazione, davanti al Teatro Politeama di Palermo, prima dell’inizio del concerto di Capodanno, in programma a partire dalle 18, per esprimere il loro dissenso nei confronti della gestione della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana.

I lavoratori chiedono le dimissioni immediate del commissario, del sovrintendente e del direttore artistico, sollecitando a chi di competenza il ripristino degli organi statutari.

Protesta al Teatro Politeama, la nota dei sindacati

“Siamo stati ancora una volta costretti a prendere atto che non esistono più margini di trattativa con la governance della Fondazione – spiegano i sindacati-. Il commissario straordinario, il sovrintendente e il direttore artistico, non solo non hanno saputo gestire i processi fondamentali per lo sviluppo della Fondazione ma da tempo hanno perso ogni contatto con la vita reale dell’orchestra”.

“In due anni di commissariamento nessuna energia è stata spesa per creare le condizioni per dotare tutta la Fondazione di una pianta organica stabile e completa, che aprisse le porte alla stabilizzazione dei tanti precari storici e desse un giusto riconoscimento a chi da anni svolge mansioni non adeguate ai loro livelli. Il contratto di secondo livello è scaduto ormai da anni e anche in questo caso nessun passo avanti è stato fatto. Sono stati proposti al personale precario contratti di soli 5 mesi, ad altri invece sono stati proposti contratti con clausule vessatorie, il tutto condito con un clima di confusione e cambi di direzione continui, avevamo suggerito soluzioni alternative ma nessuno ci ha ascoltati”.

“Nessuna discussione preventiva con le OO.SS.”

“È stato approvato un bilancio di previsione – sottolineano ancora i sindacati – dove si investe su tutto tranne che nel personale della fondazione, e senza che ci sia stata nessuna discussione preventiva quantomeno sulle poste che riguardavano le OO.SS. Il commissario straordinario ha nominato due sovrintendenti dei quali avrebbe dovuto assorbire le funzioni con conseguente e notevole aggravio economico per la Fondazione. Il Sovrintendente attuale è stato nominato senza che la Fondazione abbia indetto un bando di evidenza pubblica. Il Direttore Artistico ha promosso le attività che avevano una diretta ricaduta sulla sua persona: si è attribuita le direzioni di due concerti in stagione e ha diretto due delle registrazioni discografiche effettuate dall’orchestra tra giugno e settembre”.

“A fronte di una stagione concertistica costata quasi due milioni di euro – concludono i sindacati – non c’è stato nessun sostanziale incremento di pubblico. Dal suo insediamento (quasi due anni) non è stata effettuata nessuna tournèe e non è stato avviato nessun progetto per i giovani”.

CONTINUA A LEGGERE

VIDEO| Covisian, dipendenti protestano sopra il tetto del teatro Politeama: “Non ci fermeremo”

 

Potrebbero interessarti