Home Dall'Italia Tredicenne muore soffocato dal divano letto: ecco cos’è successo

Tredicenne muore soffocato dal divano letto: ecco cos’è successo


Redazione

Tragedia ad Asti, un tredicenne è morto soffocato dal divano letto, in cui è rimasto intrappolato. L'incidente forse causato da una molle difettosa

sparatoria

Tragedia ad Asti: un ragazzino di 13 anni è morto soffocato su un divano letto. L’episodio è avvenuto in via Zangrandi. Il corpo senza vita del tredicenne è stato trovato dal cugino. Secondo una prima ricostruzione il divano letto si sarebbe piegato su se stesso a causa di una molla difettosa, soffocando il ragazzino.

TREDICENNE SOFFOCATO DAL DIVANO LETTO: L’INCIDENTE

Un incidente che ha dell’assurdo quello in cui è rimasto vittima il tredicenne di Asti. Il ragazzino stava dormendo sul divano letto che si sarebbe richiuso sopra di lui, mentre dormiva, uccidendolo. La tragedia è accaduta ieri pomeriggio. Di origini senegalesi, il ragazzino era solo in casa, i genitori si trovavano in Senegal da dove stavano per rientrare. Quando il cugino lo ha trovato imprigionato in quella trappola era ormai tardi per salvarlo.

“UNA MOLLA DIFETTOSA”: LE INDAGINI

Ancora tutta da chiarire la dinamica dell’incidente per dare una spiegazione alla tragedia. Forse una molla difettosa, forse un errore nell’aprire e nel bloccare il divano letto, «di quelli con le reti che si richiudono come tagliole», spiegano i carabinieri, intervenuti sul posto con i vigili del fuoco e coni sanitari del 118 nell’appartamento di via Zangrandi.

IL DOLORE DI FAMILIARI E VICINI

A dare l’allarme il cugino, a cui il ragazzo era stato affidato, appena rientrato a casa. Quando ha aperto la porta si è subito reso conto che qualcosa non andava bene, trovando poco dopo il piccolo intrappolato nel divano letto. I soccorsi sono stati immediati, ma per il tredicenne non c’è stato nulla da fare.
Nel condominio i vicini di casa si disperano per quel tredicenne benvoluto da tutti che frequentava la terza media. “E’ una tragedia assurda, incomprensibile, non si può morire a tredici anni – aggiunge – non si può morire così…”, dice un vicino di casa in lacrime.

Potrebbero interessarti