Home Catania Live Truffa online a un palermitano, Postepay condannata al risarcimento

Truffa online a un palermitano, Postepay condannata al risarcimento


Redazione PL

L'episodio risale al 2021

A causa di una truffa online un giovane lavoratore palermitano si è visto svuotare in due giorni il conto corrente. Il fatto è accaduto nel maggio 2021, quando il titolare del conto corrente ha notato che il suo saldo era di poco più di un euro e che erano state fatte diverse operazioni on line in favore di soggetti sconosciuti, da lui mai autorizzate, per un totale di oltre 4 mila euro. 

A quel punto il ragazzo ha bloccato la carta e fatto denuncia ai Carabinieri, chiedendo anche il rimborso a Postepay. Quest’ultima ha però negato la richiesta del correntista: “da riscontri sulle evidenze elettroniche in nostro possesso ed a valle degli approfondimenti effettuati – ha fatto saper Postepay -, è emersa la legittimità delle stesse transazioni. Siamo pertanto spiacenti di doverle comunicare che non è possibile accogliere la Sua richiesta di rimborso”.

RICORSO VINTO E RISARCIMENTO

A quel punto il ragazzo è ricorso alle vie legali, affidandosi agli avvocati Alessandro Palmigiano e Mattia Vitale la cui tesi era chiara: il loro cliente non aveva mai avuto alcun rapporto con i beneficiari dei bonifici e non aveva approvato tali operazioni. Dunque, il sistema di PostePay non era sicuro. 

 il Giudice di Pace Antonino Galatolo ha dato pienamente ragione al lavoratore palermitano, condannando Postepay a risarcire dell’intera somma derubata il suo correntista

Sono lieto della sentenza, che interviene in una casistica molto diffusa – ha dichiarato Alessandro Palmigiano, Managing Partner dello studio legale – poiché le norme a tutela del correntista, in particolare il decreto legislativo numero 11/2010, recentemente modificato dal decreto legislativo numero 218/2017, stabiliscono precisi obblighi a carico delle banche e di Poste, che sono tenuti, per esempio, ad assicurare che le credenziali di sicurezza non siano accessibili ad altri ed a verificare l’identità dell’utente che effettua le operazioni adottando il miglior sistema tecnologico esistente e, se non lo fanno, devono restituire le somme sottratte illecitamente al cliente”.

 

Potrebbero interessarti

Palermo Live
Giornale online con notizie riguardanti la città di Palermo