Home Cronaca Un positivo al Covid a Palazzo Barone, gli uffici cimiteriali spostati in piazza Giulio Cesare

Un positivo al Covid a Palazzo Barone, gli uffici cimiteriali spostati in piazza Giulio Cesare


Redazione

Palazzo Barone è chiuso per sanificazione dal giorno della vigili di Natale. Gli uffici cimiteriali sposati per adesso nella sede della segreteria dell'assessore Toni Sala

uffici

Da oggi, martedì 28 dicembre, gli uffici dei servizi cimiteriali di Palermo si trasferiranno momentaneamente nei locali di piazza Giulio Cesare, sede della segreteria dell’assessore ai Cimiteri del Comune di Palermo Toni Sala. La decisione arriva a seguito dell’accertata positività al Covid.-19 di un lavoratore di Palazzo Barone che ha provocato la chiusura della sede di via Lincoln lo scorso 24 dicembre.

Il trasferimento delle salme da parte delle pompe funebri è rimasto bloccato nella giornata di lunedì. Gli uffici cimiteriali hanno potuto garantire solamente i servizi essenziali grazie a dipendenti già sottoposti a tampone o che non hanno avuto contatti diretti.

Le norme hanno imposto all’amministrazione comunale di sanificare i locali di Palazzo Barone a tutela dei lavoratori e dell’utenza e di tracciare i possibili contatti – ha spiegato l’assessore Sala -. Questo ha purtroppo provocato dei disagi di cui ci scusiamo, ma che sono dovuti al rispetto delle regole anti-Covid. Ho subito messo a disposizione degli uffici le stanze della mia segreteria a piazza Giulio Cesare, che si sposterà altrove“. In questo modo si potrà “garantire la continuità dei servizi in un sito vicino alla sede di via Lincoln proprio per alleviare le possibili criticità, con tanto di front office a piano terra.

Si tratta di un settore che, oltre alle ben note problematiche, deve fronteggiare anche i problemi segnalati su Palazzo Barone”. L’assessore ha “chiesto di avere trasmessa la relazione redatta dal tecnico comunale incaricato e di svolgere ulteriori indagini, così da avere un quadro chiaro e completo della situazione; nelle more, assicureremo la prosecuzione delle attività“.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Potrebbero interessarti