Home Catania Live VIDEO| Mafia a Palermo, nuovo colpo al mandamento di Porta Nuova: 12 arresti

VIDEO| Mafia a Palermo, nuovo colpo al mandamento di Porta Nuova: 12 arresti


Redazione PL

Varie accuse nei confronti degli arrestati

Operazione Vento 2 nella notte da parte dei Carabinieri di Palermo su delega della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Palermo. Eseguita un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale del Capoluogo nei confronti di 12 indagati (4 in carcere e 8 agli arresti domiciliari); sono ritenuti a vario titolo responsabili di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, coltivazione e spaccio di stupefacenti, violenza privata e lesioni personali aggravate dal metodo e dalle finalità mafiose.

L’operazione rappresenta l’immediata prosecuzione dell’Operazione VENTO, conclusa lo scorso 6 luglio attraverso l’esecuzione di 18 fermi di indiziato di delitto emessi dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia a carico di altrettanti soggetti gravemente indiziati di essere capi e sodali del mandamento mafioso di Palermo – Porta Nuova.

L’operazione aveva subìto un’accelerazione nella fase esecutiva in quanto, a seguito dell’omicidio di Giuseppe Incontrera, commesso il 30 giugno u.s. in Palermo e per cui è indagato Salvatore Fernandez (tratto anche lui in arresto a seguito di immediate investigazioni), erano emerso chiari segnali di una possibile escalation di violenze.

FILIPPO BURGIO ERA PRONTO A VENDICARE IL FIGLIO

Anche per il presente segmento d’indagine, il Nucleo Investigativo di Palermo ha raccolto ulteriori e chiari segnali di recrudescenza violenta connessa con alcune tensioni in atto all’interno del Mandamento di Porta Nuova. Tali evenienze, comunicate tempestivamente alla Procura Distrettuale, consentivano al G.I.P. di emettere le misure cautelari odierne che hanno evitato, tra l’altro, la scarcerazione dell’indagato Filippo Burgio, detenuto per altra causa e per il delitto di associazione mafiosa, che avrebbe dovuto riacquisire la libertà proprio oggi e che, come emerso dalle indagini, aveva manifestato intenti di punizione per i soggetti da lui ritenuti co-responsabili dell’omicidio del figlio Emanuele, avvenuto il 31 maggio 2021 a Palermo, nel popolare quartiere della Vucciria.

In generale, le indagini del Nucleo Investigativo di PalermO hanno permesso di ipotizzare, a carico degli indagati, gravi indizi in ordine ai delitti di: partecipazione all’associazione mafiosa operante nel mandamento di Palermo Porta Nuova; associazione finalizzata al traffico di stupefacenti gestita, in tutta la sua filiera (dalle fasi di approvvigionamento all’ingrosso allo spaccio al minuto sul territorio) dai vertici della struttura criminale per alimentare le casse mafiose.

L’associazione avrebbe assunto la gestione diretta di 6 piazze di spaccio, Capo, della Vucciria, di Ballarò e della Zisa (via dei Cipressi, piazza Ingastone e via Regina Bianca). Tutte capeggiate da elementi gravemente indiziati di appartenere a cosa nostracoltivazione e spaccio di stupefacenti; violenza privata e lesioni personali aggravate dal metodo e dalle finalità mafiose.

Potrebbero interessarti