Home Dall'Italia VIDEO | Saluto fascista all’Olimpico, sospeso il falconiere della Lazio

VIDEO | Saluto fascista all’Olimpico, sospeso il falconiere della Lazio


Francesca Catalano

"Appresa l'esistenza del video che ritrae Juan Bernabè in atteggiamenti che offendono la Società, i tifosi e i valori ai quali la comunità si ispira, sono stati presi provvedimenti" - si legge in una nota

falconiere

Saluto romano all’Olimpico e bufera sul falconiere della Lazio. Juan Bernabé, lo storico addestratore dell’Aquila Olympia, simbolo della Lazio, si è reso protagonista in negativo al termine del match vinto dai biancocelesti sull’Inter per 3-1 lo scorso sabato. L’uomo, immortalato in un video, sta facendo discutere sui social. Nelle immagini si vede Bernabé accompagnato dall’aquila Olympia recarsi sotto la Tribuna Monte Mario, occupata dai tifosi di casa. Il falconiere dopo aver fatto a più riprese il saluto romano, ha partecipato ai cori fascisti dei sostenitori che cantano a gran voce: “Duce, duce”.

LA NOTA DELLA SOCIETA’ SPORTIVA LAZIO

“Immediata sospensione dal servizio della persona interessata e eventuale risoluzione dei contratti in essere”. Lo fa sapere la società biancoceleste in una nota in riferimento al video che ritrae il falconiere Bernabè esibirsi in saluti romani verso il pubblico. Nella nota il club biancoceleste sottolinea che “particolare attenzione è stata sempre posta sul divieto assoluto di procedere ad azioni e comportamenti di qualunque genere discriminatori sotto tutti i profili tutelati dall’art. 3 della Costituzione”. 

“Appresa l’esistenza del video che ritrae Juan Bernabè (non tesserato e dipendente di una società esterna alla Lazio) in atteggiamenti che offendono i tifosi e i valori ai quali la comunità si ispira la Società ha preso provvedimenti. Questi finalizzati all’immediata sospensione dal servizio della persona interessata e all’eventuale risoluzione dei contratti in essere”.

“La Società Sportiva Lazio – specifica la nota – ha inviato nelle scorse settimane una lettera ai fornitori per richiamarli al rispetto del Codice Etico in vigore. Ed in particolare ad un comportamento pienamente rispettoso dei principi ai quali si è sempre ispirata l’attività della Società. Sia nel campo sportivo che nei rapporti ordinari”.

Potrebbero interessarti