Home Economia e lavoro Associazione Nazionale Navigator: “Il caso Valle d’Aosta agita la comunità professionale”

Associazione Nazionale Navigator: “Il caso Valle d’Aosta agita la comunità professionale”


Redazione

“Servono operatori delle politiche attive: per questo mandiamo a casa i navigator”

Navigator

“Quanto accaduto ai colleghi Valdostani – che hanno visto non prorogato il proprio contratto da Anpal Servizi S.p.A. in ragione del completamento delle assunzioni regionali previste dal Piano di Potenziamento dei Centri per l’Impiego – è stata una vera e propria doccia fredda per la comunità professionale dei Navigator”. Si legge in una nota di A.N.NA.

“La doccia fredda è stata anche conseguenza della diversa formulazione della clausola contrattuale inserita nella proroga rispetto all’articolo 40-bis contenuto nella legge n. 233/2021. L’articolo, infatti, prevedeva una breve proroga di 4 mesi, la clausola contrattuale specifica invece che la stessa sarà di massimo 4 mesi. E in ogni caso sino al completamento delle procedure selettive e di assunzione del personale regionale. No, non si sarebbero di certo aspettati che questa clausola contrattuale trovasse immediata applicazione… Soprattutto dopo le mille speranze e promesse che la fanfara politica dell’ultimo mese ha ignobilmente decantato”.

“Niente di nuovo, si è di fronte all’ennesimo inammissibiletrattamento riservato a circa 2.200 professionisti delle politiche attive del lavoro che in due anni e mezzo, e con tutte le difficoltà del caso, non hanno mai negato assistenza agli operatori dei CPI,ai beneficiari del Reddito di Cittadinanza ed alle imprese, e che ancora una volta vengono trattati e considerati come dei semplici “tappabuchi” ai servigi delle regioni”.

SOLIDARIETÀ E VICINANZA AI COLLEGHI DELLA VALLE D’AOSTA

“L’Associazione Nazionale Navigator esprime tutta la propria solidarietà e vicinanza ai colleghi della Valle d’Aosta. Quest’ultimi hanno dovuto sopportare un trattamento “speciale” ed ingiustosoprattutto in relazione alle modalità e alle tempistiche che l’hanno caratterizzato: scoprire il proprio destino con una mail a due giorni dalla scadenza dei propri contratti, senza dare nemmeno la possibilità alle sigle sindacali di poter contestare tale clausola, è semplicemente una pratica vergognosa e inaccettabile!”.

“Allora, sulla scorta di quanto accaduto ai colleghi della Valle d’Aosta, delle dichiarazioni di diversi esponenti politici e di quanto messo per iscritto nei contratti dei Navigator, come si possono ancora ritenere attendibili le prospettive di stabilizzazione per queste figure professionali?”.

“È tempo di dire chiaramente che esse rappresentano il caso infelicemente straordinario di una agenzia ministeriale che assume dei laureati, li forma. Oltre a far fare loro esperienza sul campo, per poi scaricarli con conseguente sperpero di risorse pubbliche e di un patrimonio professionale oggi più che mai necessario per l’attuazione della riforma delle politiche attive del lavoro. Quest’ultima richiestaci più volte dall’Unione Europea dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE)”.

L’Associazione chiede rispetto e dignità per questi professionisti soprattutto alla luce dei risultati che hanno raggiunto in due anni e mezzo di lavoro!

LE RICHIESTE

L’Associazione chiede al Ministro di dire chiaramente quale futuro ha pensato per questa categoria. Il tutto considerato che è stato anche detto che la loro esperienza da Navigator sarebbe terminata, ma che le professionalità non sarebbero state disperse.

Si chiedono allora: “In quale modo? E perché si assiste invece alle prime mostruose avvisaglie proprio di questa tanto temuta dispersione? Quali e quanti altri colleghi riceveranno un simile trattamento da parte delle proprie regioni?”.

Ed ancora: “come mai viene pubblicamente e costantemente rimarcato che la selezione dei Navigator (per modalità esplicativa) non è asseribile a “vero e proprio concorso” quando la maggior parte dei concorsi che in questi periodi si sono svolti o sono in fase di svolgimento, e che consentono l’ottenimento di incarichi a tempo indeterminato, presentano le medesime caratteristiche (in realtà anche semplificate) per modalità e tipologia di prove da superare? Perché, ancora una volta, ai Navigator viene riservato un trattamento impari rispetto alle altre categorie lavorative?”.

RICHIESTO UN INCONTRO

Ciò che A.N.NA., ancora una voltae pubblicamentechiede al Ministro, è un incontro, auspicando che tale richiesta non cada nuovamente nel vuotoe lo informa di voler discutere il caso dei Navigator in qualsiasi sede nazionaleeuropea ed internazionale che possa rendere loro quella giustizia, restituendoquella dignità sociale, come cittadini, e professionale, come lavoratori, che da oltre due anni viene oltraggiata senza difesa alcuna da parte del datore di lavoro come neppure delle istituzioni che pure servono e assistono con rigore.

Potrebbero interessarti