Home Cronaca Beni confiscati, processo Silvana Saguto: fissata la data d’appello

Beni confiscati, processo Silvana Saguto: fissata la data d’appello


Redazione

La Saguto è accusata insieme ad altri 11 imputati accusati di una serie di abusi sulla gestione dei beni sequestrati e confiscati. In primo grado è stata condannata a otto anni e sei mesi.

Saguto

Fissato per il 18 novembre il processo di secondo grado nei confronti dell’ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, Silvana Saguto, e di altre 11 persone. La decisione della seconda sezione della Corte d’Appello di Caltanissetta.

La Saguto e gli altri undici imputati sono accusati accusati di una serie di abusi maturati attorno alla gestione dei beni sequestrati e confiscati, alle nomine degli amministratori giudiziari: quest’ultimi sarebbero stati agevolati con compensi elevati e poi avrebbero fatto avere in alcuni casi denaro e altre utilità all’ex presidente della sezione misure di prevenzione. 

In primo grado condanna a 8 anni e sei mesi per la Saguto; sette anni e sei mesi a Cappellano Seminara; Provenzano 6 anni e 10 mesi; il marito dell’ex magistrato 6 anni, 2 mesi e 10 giorni, il figlio invece sei mesi. Tre anni all’ex prefetto Cannizzo; a Walter Virga un anno e 10 mesi; Santangelo 6 anni, due mesi e 10 giorni; Nasca 4 anni; Di Maria 2 anni, 8 mesi e 20 giorni, Ingrao e Manta 4 anni e 2 mesi a testa.

SAGUTO-MANIACI: LA DOCU-SERIE SU NETFLIX

In queste settimane su Netlfix è uscita “Vendetta, guerra nell’antimafia”, la docu-serie con protagonista Pino Maniaci, il giornalista di Telejato travolto nel 2016 dalla vicenda giudiziaria legata al “caso Saguto” che seguiva da anni denunciando (per primo) pubblicamente quello che stava succedendo. A seguito di intercettazioni venne accusato di estorsione ai danni di due amministratori comunali.  Silvana Saguto aveva accusato il giornalista di appoggiare le famiglie mafiose i cui beni sono stati confiscati.

A 5 anni di distanza è arrivata l’assoluzione in primo grado dall’accusa di estorsione per Maniaci perché “il fatto non sussiste”, Per lui una condanna per diffamazioni a 1 anno e 5 mesi.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Potrebbero interessarti