Home Dall'Italia Covid alla Scala di Milano dopo la Prima: 14 casi tra ballerini e personale

Covid alla Scala di Milano dopo la Prima: 14 casi tra ballerini e personale


Redazione

Dopo i primi casi di positività sono stati effettuati una serie di tamponi molecolari. Il tracciamento ha avuto inizio venerdì mattina. Slittano alcuni appuntamenti in programma

covid

Dopo il grande successo della Prima del Macbeth, il Covid scombina la programmazione prevista alla Scala di Milano. Per il 15 dicembre era infatti in programma l’apertura della stagione di balletto, con La Bayadère con le coreografie di Rudolf Nureyev riprese dal direttore Manuel Legris. L’appuntamento tuttavia slitterà a causa del Coronavirus, insieme all’anteprima giovani prevista per il 14 dicembre.

Covid alla Scala di Milano

Attualmente sono 14 i membri del corpo di ballo e del personale nella produzione risultati positivi al Covid. Un dato che ha portato l’Agenzia di tutela della salute della città metropolitana di Milano a disporre la quarantena per tutto il personale entrato in contatto con loro.

Dopo i primi casi di positività sono stati effettuati una serie di tamponi molecolari. Il tracciamento ha avuto inizio venerdì mattina.

Secondo le nuove disposizioni, dunque, la prima della stagione di balletto si terrà il 21 dicembre, mentre l’anteprima giovani si svolgerà il 20 dicembre alle 14:30. Le rappresentazioni del 15 e 17 dicembre andranno in scena rispettivamente nei giorni 12 e 13 gennaio, alle ore 20. Invariate le altre recite.

Confermato invece l’incontro di presentazione per il ciclo “Prima delle prime” Balletto, previsto per martedì 14 alle 18 nel Ridotto dei Palchi.

Gli abbonati e gli spettatori del Turno Prime Balletto del 15 dicembre potranno accedere alla nuova data a loro riservata del 12 gennaio 2022 alle ore 20, esibendo il titolo d’accesso originale. Gli spettatori della recita del 17 dicembre potranno accedere alla nuova data del 13 gennaio 2022 alle ore 20 esibendo il titolo d’accesso originale. Chi non potrà essere presente alla nuova data, potrà chiedere il rimborso.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti