Home Politica Obiettivo evitare il dissesto del Comune di Palermo: incontro tra il sindaco Lagalla e le ministre Lamorgese e Castelli

Obiettivo evitare il dissesto del Comune di Palermo: incontro tra il sindaco Lagalla e le ministre Lamorgese e Castelli


Redazione PL

La prima settimana da primo cittadino della quinta città di Italia si è conclusa, ma adesso ne inizia un'altra molto importante per il futuro del capoluogo

famiglia lagalla

Si è conclusa la prima settimana da sindaco di Palermo per Roberto Lagalla e ne inizia un’altra molto importante per il futuro della città. Tante sono le cose di cui occuparsi, in primis l’obiettivo è risanare il bilancio ed evitare il dissesto del Comune. Per tale motivo il neo primo cittadino del capoluogo siciliano si trova a Roma dove martedì incontrerà la ministra Luciana Lamorgese e la viceministra dell’Economia Laura Castelli. Il 30 giugno è l’ultimo giorno utile per l’approvazione del bilancio, ma Lagalla vuole chiedere una proroga così come una rinegoziazione del piano di equilibrio. Troppo pochi i giorni avuti, dopo la proclamazione a sindaco di Palermo, per cercare di riequilibrare i conti del Comune.

DAL DISSESTO ALL’EMERGENZA SEPOLTURE

L’altra priorità di Lagalla, in queste prime settimane da sindaco, è risolvere la situazione del cimitero dei Rotoli, in primis le sepolture. Si sta procedendo all’acquisto di altri 1.110 loculi provvisori, in aggiunta ai 340 acquistati da Orlando ma non ancora montati. Si continua nel frattempo a lavorare al cimitero di Ciaculli che sorgerà su area comunale e ospiterà campi di inumazione. E infine il sindaco sta cercando di accelerare i tempi per il nuovo forno crematorio.

In autunno previste novità sulla Ztl del centro storico con lo scopo di ridurre le zone interessate. Le isole pedonali dovrebbero rimanere, ma con delle modifiche soprattutto per quanto riguarda i controlli.

Una bella notizia arriva dal Ministero della Cultura che ha comunicato l’inserimento di giardini, parchi, teatri, cinema e altri luoghi simbolo del tessuto urbano e della cultura di Palermo nell’elenco dei finanziamenti con fondi Pnrr.Si tratta di risorse importanti per restituire decoro a questi luoghi – ha affermato Lagalla -. Progetti che, di riflesso, aumenteranno il prestigio della città, serviranno da motore all’economia del capoluogo e miglioreranno l’immagine e l’attrattività della nostra città. Il compito dell’amministrazione comunale sarà quello di vigilare affinché queste somme vengano impiegate nel modo più efficiente e rapido possibile per raggiungere gli obiettivi“.

Potrebbero interessarti