Home Cronaca Finale Europei, Orlando prepara i “divieti anti assembramenti”

Finale Europei, Orlando prepara i “divieti anti assembramenti”


Redazione

Si vuole evitare che si ripetano scene come quelle di martedì sera, dopo la semifinale contro la Spagna

assembramenti orlando sindaco italia inghilterra

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, come altri Primi cittadini in tutta Italia, sta preparando misure speciali in occasione della finale di Euro 2020 Italia – Inghilterra, che si disputerà domenica 11 luglio. Si rende necessario infatti intervenire per tempo, per evitare il più possibile il ripetersi di scene di festeggiamento, in caso di successo azzurro, che determinino pericolosi assembramenti, come avvenuto in seguito alla semifinale vinta contro la Spagna.

Faremo una riunione con il comitato di ordine pubblico per stabilire quali potranno essere i provvedimenti da adottare“. – Ha risposto così il sindaco Orlando ad una domanda del cronista della nostra redazione Pietro Minardi a margine della conferenza sul Festino – Il divieto o l’ordinanza non può essere un alibi per il disimpegno, bisogna avere cura senza aspettare l’intervento del sindaco o una contravvenzione. Proviamo a rispettare la salute di ognuno di noi. Vedremo come affrontare al meglio questo momento di rischio di assembramento, che in realtà è quotidiano”.

Il livello di allerta rimane alto in tutto il territorio nazionale, soprattutto in relazione alla circolazione delle varianti. “Se c’è anche una singola persona positiva alla variante Delta e intorno solo un 20% di vaccinati ci sono buone chance che si determinino tanti micro satelliti di infezione. – Ha affermato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri in un intervento durante una trasmissione radiofonica – Questi poi potrebbero diventare focolai quando quelle persone si spostano e magari si portano il virus in vacanza“.

A tal proposito preoccupano i quindici nuovi casi di variante Delta riscontrati negli ultimi tre giorni all’aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo. Tra i contagiati giovani ragazzi provenienti dalla Spagna o dal Portogallo, in visita in Sicilia o di ritorno dalle vacanze.

Potrebbero interessarti