Home Catania Live Insulti al dj Taibi, l’attore Francesco Benigno condannato a pagare risarcimento

Insulti al dj Taibi, l’attore Francesco Benigno condannato a pagare risarcimento


Redazione PL

"Adesso il capitolo è davvero CHIUSO, la satira non si censura", si legge su Azzurra News

taibi

Condannato l’attore Francesco Benigno ad un risarcimento pari a 4 mila euro nei confronti di Salvatore Taibi, dj e editore del gruppo dell’emittente radiofonica Radio Tivù Azzura e della testata giornalistica Azzurranews.it. La vicenda è nota e risale al 2017, quando l’attore palermitano si candidò alle comunali prima in lista con Fabrizio Ferrandelli, poi con Ismaele La Vardera.

Dj Taibi e Francesco Benigno, la vicenda

Salvatore Taibi, meglio noto come Sasa dj, ai tempi scrisse sui social un post ironico su Benigno, che reagì inviandogli messaggi e note audio su Whatsapp dal contenuto poi giudicato intimidatorio. Sporta denuncia da parte di Taibi, infatti, si è proceduto per vie legali.

La prima condanna, nel 2018, aveva dunque visto il giudice ritenere i messaggi mandati da Benigno a Taibi “intimidatori”. Il dj, difeso dall’avvocato Michelangelo Zito, si era detto disponibile a venire incontro all’attore: “Sono disposto a fare uno sconto a Benigno di 500 euro sul mio risarcimento, se verserà mille euro a un’associazione che aiuta i ragazzi affetti da sindrome di down. Un tema a cui io tengo molto, visto che mio figlio ha questa patologia”.

Benigno, però, ha voluto procedere con il ricorso. Il 6 novembre 2020,  dunque, il Giudice della Seconda Sezione Penale Elisabetta Villa ha confermato la condanna. Disposto il pagamento di 1250 euro più le spese generali a Taibi.

Ora la nuova sentenza. L’1 aprile 2022 il Giudice Fabrizio Lo Forte della Terza Sezione Penale del Tribunale di Palermo ha stabilito la condanna di Benigno al pagamento della somma di 4 mila euro in favore della parte civile Salvatore Taibi. Il tutto a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale da questi subito.

“Adesso il capitolo è davvero CHIUSO, la satira non si censura”. Così si legge su Azzurra News che riporta la notizia.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti