Musumeci, sì al Ponte sullo Stretto: «Sono sempre stato favorevole»

Il presidente della Regione si dice disposto a collaborare con il Governo Conte

Il presidente della Regione Siciliana è tornato a parlare di un tema ritornato in voga negli ultimi giorni, il Ponte sullo Stretto. Nello Musumeci commenta così i numerosi dibatti politici sull'argomento: "Periodicamente si torna a parlare del Ponte sullo Stretto - dichiara il governatore -, sul quale tutti conoscono la mia posizione: sono da sempre favorevole e non ho mai cambiato opinione. Mi fa sorridere chi dice che prima del Ponte si debba pensare ad altro: è solo l'eterna scusa per non fare mai niente".

A partire dagli anni 2000, come ricorda Musumeci, il leader di Forza Italia, ha tentato di realizzare l'infrastruttura, andandoci molto vicino: "I siciliani sanno che l'unica volta in cui si è stati a un passo dall’avvio dell'opera è stato per impulso del governo di Silvio Berlusconi e la nostra coalizione non ha mai cambiato opinione, come ha ricordato oggi Matteo Salvini. Se assieme al ministro Dario Franceschini e al senatore Matteo Renzi si registrerà una nuova posizione da parte del governo di Giuseppe Conte, sarò felice di mettermi a disposizione, assieme al mio governo".

IN SICILIA NESSUNA NOVITÀ

"Non servono comunicati stampa - ribadisce il presidente siciliano -, ci vogliono norme e atti formali, a partire dalla conversione del decreto legge oggi all'esame del parlamento. Vogliamo fare un passo avanti? Modello Genova e commissario nazionale per il Ponte. Altrimenti saranno solo chiacchiere dall'amaro sapore elettorale". Infine Nello Musumeci cita i disastri dei lavori nelle infrastrutture siciliane: "Nel frattempo - conclude - aspettiamo che da cinque anni si apra il ben più ridotto viadotto Himera, sull’autostrada Palermo-Catania".


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Viadotto Himera, la provocazione di Falcone: «Se entro luglio riapre, mi dimetto»