Home Politica Orlando indagato, Lega: “Questo sindaco andava sfiduciato”

Orlando indagato, Lega: “Questo sindaco andava sfiduciato”


Redazione

La Lega torna ad attaccare il sindaco di Palermo Leoluca Orlando dopo la notizia dell'indagine a suo carico per omissione d'atti d'ufficio sull'emergenza Rotoli

lega caronia

La notizia di Orlando indagato per omissione d’atti d’ufficio, nel caso delle bare insepolte al cimitero dei Rotoli, scatena le polemiche e gli attacchi dell’opposizione. La Lega accusa il sindaco di lasciare “la città sempre più allo sbando”, ma attacca anche quella parte di opposizione che non hanno votato la mozione di sfiducia.

Lega attacca Orlando e la sua Giunta

“Sono stato uno tra i primi a denunciare in procura questa situazione con un esposto oltre un anno fa”. Lo dichiara il capogruppo della Lega a Palermo Igor Gelarda . “Sono contento che la magistratura abbia deciso di verificare se ci siano responsabilita penali da parte di questa amministrazione comunale. Quello che vogliamo noi è comunque la soluzione definitiva al problema. E in tal senso ci siamo mossi con un emendamento, presentato dalla Lega. Grazie al quale sono stati stanziati 2 milioni di euro per l’acquisto di un migliaio di loculi”.

La mozione di sfiducia

“La (in) attività del Sindaco sempre più oggetto di indagini giudiziarie, è chiaro che ogni giorno in più con Leoluca Orlando Sindaco è una iattura per Palermo”. Dure le parole di Marianna Caronia, consigliere comunale del gruppo Lega a Palazzo delle Aquile. “Ogni giorno di più con questa Giunta alla guida della città è un giorno in più di problemi non risolti ma anzi aggravati dall’arroganza e dalla incompetenza. Ai colleghi e alle forze politiche di opposizione che non hanno voluto mandarli a casa in anticipo, con la mozione di sfiducia firmata dalla Lega e pochi altri, chiediamo se ancora oggi siano pronti a sostenere che quella mozione fosse sbagliata. Chiediamo loro cosa abbiano guadagnato la città e i palermitani con questi ultimi e lenti mesi di agonia del regno di Leoluca Orlando”.

Le fa eco Alessandro Anello, segretario della Lega nella Città metropolitana di Palermo. “Chi non ha rispetto per i morti non ne ha neanche per i vivi. Il sindaco Orlando per la vicenda delle bare insepolte al cimitero dei Rotoli, come in tante altre occasioni, ha dimostrato di non avere rispetto per i palermitani. Come Lega abbiamo sempre denunciato la situazione incresciosa del camposanto di Vergine Maria. Recentemente grazie all’intervento di Matteo Salvini, sono stati stanziati 2 milioni di euro per superare un’emergenza che non è soltanto dei familiari dei defunti ma di tutta la città”.

Continua a leggere

Potrebbero interessarti