Home Cronaca di Palermo Palermo, scuola Emanuela Loi invasa dalle canne: “Urge intervento Reset”

Palermo, scuola Emanuela Loi invasa dalle canne: “Urge intervento Reset”


Redazione PL

Le canne, insieme all'immancabile spazzatura, non coprono solo l'ingresso alla scuola, ma rendono anche impraticabile il passaggio pedonale, che avrebbe dovuto garantire la sicurezza di genitori e piccoli alunni

palermo

Una situazione mortificante e rischiosa quella in cui versa la scuola elementare Emanuela Loi, a Palermo, nel quartiere Passo di Rigano. Una folta macchia di canne copre, infatti, l’ingresso all’istituto e rende impraticabile il passaggio pedonale, che avrebbe invece dovuto garantire a genitori e bambini un transito sicuro sulla strada, priva di marciapiede. Naturalmente, manco a dirlo, non sono solo le canne il problema della zona: anche fogliame e spazzatura disseminano il percorso delimitato dai paletti rossi e bianchi, che viene dunque meno alla sua funzione di tutela del cittadino.

“Richiesto intervento di Reset”

Una situazione incresciosa, frutto dell’incuria e della trascuratezza: l’ultimo intervento in zona si è infatti tenuto circa due anni fa.

“Immediatamente, stamattina, chiederemo un intervento straordinario al Reset per consentire ai nostri ragazzi di entrare in grande sicurezza a scuola”, dichiara a Palermo Live il presidente della V Circoscrizione, Fabio Teresi. “Stiamo chiedendo l’immediato intervento di ripulitura del passaggio e il taglio di queste canne. Purtroppo hanno una crescita rigogliosa e folta, ed è un problema per i nostri ragazzi. E’ chiaro che dobbiamo intervenire subito, non possiamo tenere questo ingresso così, non è decoroso e degno di una scuola pubblica e di una città civile“.

La Circoscrizione chiaramente non ha potere esecutivo, ma si impegna a segnalare le criticità in modo tale che vi si possa porre rimedio.

“Segnalate alla Circoscrizione”

“Al netto delle difficoltà che può avere l’Amministrazione comunale – mancanza di mezzi, di uomini – ogni anno, a metà settembre, le scuole ripartono e questo è un fatto assodato; quindi una programmazione che preveda il primo giorno di scuola in queste condizioni è inefficace e inefficiente“. Così parla Salvo Altadonna, consigliere della V Circoscrizione, intervistato da Palermo Live.

Il consigliere porge anche un appello ai dirigenti scolastici e ai cittadini: “Quando fate le segnalazioni all’Amministrazione comunale, inviatele anche alla Circoscrizione. Parliamo, infatti, di una Circoscrizione con 120mila abitanti, come la città di Siracusa. Noi siamo in pochi, nove soltanto, e rischiamo che si dica la classica frase: “Chi vi ha mai visto?”. Quindi chiediamo che le istituzioni scolastiche, ma anche i cittadini, riconoscano nella Circoscrizione un interlocutore da far intervenire in questi casi limite“.

Potrebbero interessarti