Home Cronaca Palermo, approvato il progetto per sette parcheggi in zone strategiche

Palermo, approvato il progetto per sette parcheggi in zone strategiche


Redazione

I lavori saranno realizzati con le risorse finanziarie rese disponibili dal finanziamento regionale, pari a poco meno di 50 milioni. A questi si aggiungeranno anche capitali privati mediante una procedura di gara

palermo

La Giunta comunale ha approvato, in linea tecnica e amministrativa, sette progetti di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di altrettanti parcheggi a Palermo. Questi saranno in zone strategiche della città e in stretta connessione con il trasposto pubblico di massa. Il progetto complessivo è infatti quello di aree di interscambio con la rete tranviaria e il passante ferroviario.

“Palermo si doterà di una rete capillare di parcheggi d’interscambio in zone strategiche – ha dichiarato l’assessore alla mobilità, Giusto Catania – con la delibera di oggi (ieri, ndr) si completa un percorso che consentirà alla città di avere infrastrutture fondamentali per una ottimale mobilità urbana”.

Palermo, collaborazione pubblico/privato

Nello specifico si tratta di sette parcheggi: Don Bosco, Alcide de Gasperi, Francia, Boiardo, Giulio Cesare, Ungheria e  Libertà.

Per la realizzazione delle opere si provvederà ad utilizzare le risorse finanziarie rese disponibili dal finanziamento regionale, pari a poco meno di 50 milioni. A queste si aggiungeranno inoltre capitali privati, mediante una procedura di gara aperta per la concessione in project financing della redazione delle successive fasi di progettazione, la realizzazione delle opere e la successiva gestione in convenzione.

“Siamo certi che gli imprenditori della città vorranno rispondere positivamente alla richiesta di collaborazione  avanzata dall’amministrazione comunale – dichiara il sindaco Leoluca Orlando-. Infatti, la realizzazione e la gestione dei  sette parcheggi rispondono a criteri di collaborazione pubblico/privato che potranno portare giovamento oggettivo alla città”.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti