Home Cronaca Palermo, col nuovo anno tariffe più care sugli impianti sportivi

Palermo, col nuovo anno tariffe più care sugli impianti sportivi


Redazione

E' polemica sul rincaro delle tariffe per gli impianti sportivi a Palermo. La delibera della Giunta in alcuni casi prevede anche aumenti pari al 300%

Piscina Comunale legionella

Tariffe più care, a Palermo, per l’utilizzo degli impianti sportivi. La delibera della Giunta comunale fa discutere e non poco, stabilendo vette di rincari superiori, in alcuni casi, anche al 300%.

Il provvedimento interessa diversi aspetti. Si va dal biglietto per la piscina comunale alle tariffe per le società sportive per gli allenamenti. Colpiti dal rincaro anche gli affitti per le manifestazioni sportive e gli eventi oltre le partite di campionato.

“Atto di arroganza”

“La delibera di Giunta che introduce le nuove tariffe con aumenti per gli impianti sportivi, in alcuni casi, superiori del 300%, è l’ennesimo atto di arroganza e mancanza di visione della giunta che adotta provvedimenti emergenziali senza alcuna condivisione con le realtà coinvolte e il consiglio comunale”. Così dichiarano in una nota Dario Chinnici, capogruppo IV a Palazzo delle Aquile, e Francesco Bertolino presidente Commissione Sport.

“Così come già avvenuto con la proposta che prevede l’introduzione di un biglietto per lo Spasimo, anche in questo caso si aumentano i costi senza alcun progetto di rilancio, mantenendo servizi spesso indecenti con il solo obiettivo di fare cassa. Ancora più grave, prevedere questo pesante aumento, in questo momento storico con impianti chiusi per cantieri infiniti o mai partiti, e nelle poche strutture aperte dove sono le società sportive che spesso si sostituiscono all’amministrazione nel rendere vivi gli impianti con attività e competizioni”.

“Negli ultimi anni – concludono Chinnici e Bertolino – abbiamo assistito alla totale mancanza di organizzazione e programmazione con il paradosso di eventi svolti a porte chiuse con tribune inagibili; ed oggi si presenta alle società, che in questi anni sono state abbandonate, un ulteriore inaccettabile rincaro da parte di un’amministrazione sorda e incompetente”.

Palermo, Figuccia: “Impianti sportivi che diventano gioiellieri”

“Aumenti anche del 300 per cento; tariffe più che raddoppiate; impianti sportivi che diventano una sorta di gioiellieri, e a pagarne le spese sono sempre i soliti”. Così afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale della Lega di Palermo.

“Così come ha fatto con la Tari, anche stavolta la Giunta guidata da Orlando sta cercando di colmare l’enorme voragine finanziaria dei conti comunali a discapito dei cittadini più deboli, che usufruiscono di uno dei pochissimi servizi finora funzionanti, sia pure con alti e bassi”.

“Invece di mettere a reddito l’enorme patrimonio culturale comunale, invece di arginare l’enorme evasione fiscale che ha raggiunto livelli intollerabili, il sindaco dà addosso ai disabili, ai bambini, ai ragazzi più giovani che vogliono fare sport in una città dove gli spazi di aggregazione sono sempre di meno. Che idea geniale”, conclude Figuccia.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti