Home Politica Piano triennale, salta numero legale: Consiglio comunale ancora occupato

Piano triennale, salta numero legale: Consiglio comunale ancora occupato


Redazione PL

Al Consiglio comunale di Palermo salta ancora una volta il numero legale sul Piano triennale delle Opere pubbliche: prosegue a oltranza l'occupazione di Sala delle Lapidi

piano triennale consiglio comunale occupato

Al Consiglio comunale di Palermo salta ancora una volta il numero legale sul Piano triennale delle Opere pubbliche, così prosegue a oltranza l’occupazione di Sala delle Lapidi. I consiglieri comunali del Pd, Avanti Insieme, M5s e Sinistra Comune restano quindi in protesta e annunciano un’assemblea pubblica per domani, sabato 13 novembre, alle 11, a piazza Pretoria.

“Ancora oggi un nulla di fatto sul fronte del piano triennale delle opere pubbliche. La proposta effettuata dalla nuova maggioranza del Consiglio si è scontrata con l’evidenza che il punto è all’ordine del giorno dal mese di maggio.Oggi votando favorevolmente la pregiudiziale di Fratelli d’Italia che voleva il Sindaco in Aula, dopo avere noi stessi chiesto e ottenuto dal primo cittadino la disponibilità ad essere presente, pensavamo ci fossero tutte le condizioni per non perdere tempo ulteriore e continuare i lavori a oltranza. Eravamo certi così di andare incontro immediatamente al primo punto delle richieste di audizione da loro avanzate. Incredibilmente il centrodestra ha invece abbandonato l’aula, facendo per l’ennesima volta saltare il numero legale”. Lo dichiarano in una nota i consiglieri comunali di M5s, Pd, Avanti Insieme e Sinistra Comune.

“E’ evidente – prosegue la nota – la volontà di procedere con azioni di ostruzionismo senza volersi assumere la responsabilità del ritardo nella votazione di un atto che il Consiglio discute in pratica dal mese di marzo.
Un atto che tutti gli uffici, le associazioni di categoria, le parti sociali e tantissimi cittadini fuori dal Palazzo reputano urgentissimo, mentre evidentemente la destra del Consiglio Comunale preferisce speculare politicamente e uscire dall’Aula quando la discussione si fa concreta. Proseguiremo l’occupazione dell’aula consiliare per dare un forte segnale alla città”.

Potrebbero interessarti