Home Eventi, tv e spettacolo Palermo, al via “Insieme con il cuore”: prevenzione sanitaria per i bambini

Palermo, al via “Insieme con il cuore”: prevenzione sanitaria per i bambini


Marianna La Barbera

Alla presentazione dell'iniziativa, parteciperà, tra gli altri, l'assessore regionale all'Istruzione Roberto Lagalla

“Insieme con il cuore”: è il titolo dell’iniziativa che sarà presentata lunedì 6 dicembre alle 16:30 nei locali dell’Istituto Euro- Mediterraneo di Scienza e Tecnologia, in via Michele Miraglia 20 a Palermo.
L’obiettivo è condurre un’attività di prevenzione sanitaria rivolta ai bambini e finalizzata a far emergere eventuali anomalie del tracciato elettrocardiografico.
Anomalie che possono costituire un rischio di morte improvvisa anche per soggetti apparentemente sani.
Precisamente, circa cinque pazienti all’anno su centomila.
Un evento che si manifesta nel 10-15% dei casi durante l’attività fisica e che, nel 90% dei casi, è riconducibile a cause cardiache.
L’individuazione potrebbe avvenire preventivamente attraverso un semplice elettrocardiogramma.
“A promuovere “Insieme con il cuore” è l’associazione “Movimento per la Salute dei Giovani”.

LE PAROLE DI FABRIZIO ARTALE

“Gli obiettivi – spiega il presidente dell’associazione Fabrizio Artale – sono la ricerca e l’individuazione di eventuali alterazioni alla base di una patologia cardiaca potenzialmente fatale”. “L’esperienza acquisita negli anni – sottolinea – ha rafforzato in noi la volontà di svolgere servizi gratuiti a supporto alle attività mediche locali e a vantaggio delle famiglie”.
Soprattutto a beneficio di quelle che sperimentano condizioni di fragilità socio-economica.
” Offriremo consulenze cardiologiche – aggiunge – grazie alla collaborazione di specialisti pediatrici, medici specializzati in medicina dello sport, infermieri e volontari”.
“Quando si pensa alla salute degli adolescenti spesso non si considera il cuore – sottolinea – perché si ritiene che le patologie ad esso legate riguardino l’età adulta”.
” Purtroppo, però, non sono rare le malattie insidiose che coinvolgono il cuore – chiarisce – che può avere difetti nascosti o anomalie silenti”.
“Le patologie possono decorrere latenti per anni – precisa- e manifestarsi solo quando il danno cardiaco è ormai irreversibile”. “Oppure – aggiunge- alterare improvvisamente ed inaspettatamente la regolarità del battito causando palpitazioni, perdite di coscienza, sincopi e arresti cardiaci”.

UN PROGRAMMA ARTICOLATO

Il programma di solidarietà a tutela della salute dei giovani prevede, in primis, elettrocardiogrammi gratuiti per i bimbi in età scolare con la collaborazione di medici cardiologi.
Al centro, anche la cultura della prevenzione con convegni nelle scuole e nei centri sportivi ed aggregativi.
Tra i punti più qualificanti, il supporto psicologico ai pazienti cardiopatici e la donazione di defibrillatori semiautomatici esterni.
Per l’utilizzo di questi ultimi, sono previsti inoltre corsi di primo soccorso ed addestramento.
In programma, anche la collaborazione con enti pubblici e privati, ASP, Università, ospedali, istituti di ricerca e associazioni.
Senza dimenticare il sostegno economico per le famiglie che devono affrontare i cosiddetti “viaggi della speranza”.

I dettagli della presentazione dell'iniziativa
I dettagli della presentazione dell’iniziativa

ISTITUZIONI, MEDICI E ASSOCIAZIONISMO

Oltre a Fabrizio Artale, all’incontro interverranno, tra gli altri, il presidente dell’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia Bartolo Sammartino e Roberto Lagalla, assessore regionale all’Istruzione.
Presenti, con i loro contributi, anche Francesco Cappello, già direttore della scuola di specializzazione in Medicina dello Sport e dell’Esercizio fisico dell’Università degli Studi di Palermo e l’attuale direttore Giuseppe Morici.
Completano il parterre dei relatori Angela Fontana, dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale, il cardiologo e responsabile scientifico del progetto Maurizio Mongiovì e Vittorio Virzì, presidente della Federazione Medico Sportiva Italiana di Palermo.

Potrebbero interessarti