Home Politica Regionali, il centrodestra converge su Schifani: arriva l’ok di Miccichè

Regionali, il centrodestra converge su Schifani: arriva l’ok di Miccichè


Redazione PL

Dopo una lunga e articolata discussione arriva la "benedizione" di Gianfranco Miccichè: il centrodestra converge sulla figura di Renato Schifani

regionali

Dopo una difficile discussione in seno alla coalizione, con l’ombra di una spaccatura dietro l’angolo, il centrodestra in Sicilia pare unificarsi, in vista delle regionali, attorno alla figura di Renato Schifani.

Gianfranco Miccichè a Italpress ha infatti espresso il suo favore per l’ex Presidente del Senato. “Abbiamo avuto questa mattina una riunione all’interno di Forza Italia – ha detto -, accettiamo volentieri la candidatura di Renato Schifani”.  

Positivo il riscontro di Nino Minardo, segretario regionale Lega Sicilia. “La convergenza di tutto il centrodestra sulla candidatura di Renato Schifani alla presidenza della Regione Siciliana è un’ottima notizia e chiude nel migliore dei modi una discussione lunga e accesa”.

“Al presidente Schifani mi legano rapporti di grande stima e amicizia reciproca; la sua competenza e la sua esperienza politica e istituzionale sono indiscutibili. Adesso il centrodestra ha la grande occasione di presentarsi ai siciliani con un progetto serio e convincente sostenuto da una vasta area politica e che potrà davvero dare risposte concrete alla grandi sfide strutturali e di riforme che attendono la nostra Regione”

“Da parte mia e di tutta la Lega Sicilia – Prima l’Italia garantisco il massimo impegno e la totale lealtà in campagna elettorale con l’obiettivo di portare Renato Schifani a Palazzo d’Orleans con un ampio consenso e una solida maggioranza all’Ars”. Così chiude Nino Minardo. 

CONTINUA A LEGGERE

Regionali Sicilia 2022, Forza Italia: “Miccichè unico candidato ideale per il centrodestra”

 

Regionali, Meloni sceglie il nome di Schifani: centrodestra verso l’unità

 

 

Potrebbero interessarti

Palermo Live
Giornale online con notizie riguardanti la città di Palermo