Home Economia e lavoro See Sicily, via al piano di promozione turistica della Regione Siciliana

See Sicily, via al piano di promozione turistica della Regione Siciliana


Gina Lo Piparo

Previsti vantaggiosi pacchetti e percorsi gratuiti per incoraggiare la ripresa del settore turistico dopo le perdite dello scorso anno legate alla pandemia

See Sicily

Rilanciare il turismo dopo la terribile batosta inferta dal Covid-19. Questo lo scopo di See Sicily, il piano di promozione turistica messo a punto dalla Regione Siciliana per cui si prevedono investimenti da 75 milioni di euro.

L’iniziativa promuove viaggi e visite alla volta dell’isola anche attraverso vantaggiosi pacchetti di servizi. Ad esempio, sarà possibile usufruire di un pernottamento gratis ogni tre giorni di permanenza.

Isole Covid free

“Nonostante il picco positivo della scorsa estate, il bilancio è assolutamente negativo – ha dichiarato l’assessore al turismo della Regione Manlio Messina -. Abbiamo avuto perdite del 70-75% e anche del 90% in alcuni territori”.

L’augurio è quello di un’estate “non peggiore dell’anno scorso, sperando anche meglio”. Secondo l’assessore molto dipenderà dalla campagna vaccinale. Si arriva così alla questione delle isole Covid free. “In Sicilia abbiamo chiesto di poter fare un percorso Covid free nelle isole minori, ma attendiamo ancora risposte in questa direzione”.

“A questo proposito vorrei sottolineare che il problema Covid free per le isole minori non è solo di natura turistica – ha spiegato l’assessore – ma prima ancora di sicurezza sanitaria e un problema logistico: per vaccinare gli abitanti deve andare sull’isola appositamente il personale incaricato, facendo avanti e indietro prima per poche decine di over 80, poi per gli altri, quando sarebbe più agevole e veloce vaccinare tutti insieme”.

Non solo estate

Fervono, intanto, i preparativi per la stagione estiva, che prevedono belle opportunità. “Ci stiamo preparando al meglio ovviamente con i protocolli di sicurezza, e il pacchetto turistico di See Sicily, oltre ad una notte ogni tre pagata dalla Regione siciliana, comprende anche visite guidate gratuite, ingressi ai musei, ai parchi archeologici, siti di interesse“.

Ma non si parla solamente dell’estate. Il turismo dev’essere incentivato anche al di là dei limiti della stagione estiva; per questa ragione, a partire dal mese di ottobre, si aggiungeranno anche viaggi aerei e iniziative varie al piano di promozione.

“Stiamo puntando anche sulla destagionalizzazione – ha spiegato Messina -. Siamo già proiettati all’autunno riempiendo la Sicilia di eventi che partiranno da ottobre, come la Fiera del Turismo sportivo, un festival dedicato a Vincenzo Bellini fino ad un grande progetto per Natale”.

“Dobbiamo avere sempre più la consapevolezza che il turismo è un’industria”, ha concluso.

Potrebbero interessarti