Home Cronaca Sicilia da oggi in zona gialla, ma teme già l’arancione: cosa cambia

Sicilia da oggi in zona gialla, ma teme già l’arancione: cosa cambia


Redazione

La Sicilia si risveglia in zona gialla: ecco le regole da rispettare. Intanto l'aumento di contagi e ricoveri fa temere la zona arancione

covid sicilia

La Sicilia torna in zona gialla, per la quinta volta dall’inizio dell’emergenza Covid. Un passaggio che non comporta grossi cambiamenti nella vita di tutti i giorni. L’obbligo di mascherina all’aperto, unica vera novità, è già in vigore nell’Isola da un mese. Ma a preoccupare di più è un eventuale passaggio in zona arancione, cosa che comporterebbe ben più restrizioni. I numeri dei contagi delle ultime settimane, infatti, preoccupano non poco. Ad aumentare gradualmente sono soprattutto i ricoveri e un tasso di positività (ossia il rapporto fra nuovi positivi e tamponi) che continua a crescere. Ieri ha superato addirittura il 17%.

Sicilia zona gialla: tutte le regole

La prima regola da rispettare è l’obbligo della mascherina all’aperto. Già in vigore per il periodo delle festività natalizie verrà prorogato oltre l’Epifania. Si dovrà indossare dunque sempre, anche in assenza di folla e assembramenti, e non solo in luoghi al chiuso.

Negozi, bar e ristoranti

Resteranno aperti negozi, attività commerciali. Così pure bar e ristoranti, qui restano in vigore le regole introdotte col decreto Natale, ossia l’estensione del Green Pass rafforzato per il consumo al banco.

Spostamenti

Consentiti viaggi e spostamenti sia all’interno del proprio Comune, che tra Comuni diversi e anche tra Regioni. Non c’è coprifuoco né autocertificazione. La circolazione è libera a tutte le ore.

Scuola

Nessun cambiamento al momento per la scuola, che resta tutta in presenza. Al 100% alle scuole elementari e medie. Alle scuole superiori si potrà scendere al 70% secondo le esigenze valutate dai dirigenti scolastici in raccordo con l’Asp. Il nodo scuola verrà comunque affrontato nel prossimo Consiglio dei ministri di mercoledì 5 gennaio. L’orientamento del Governo sarebbe comunque quello di mantenere il più possibile le lezioni in presenza, evitando stop nella ripartenza.

Continua a leggere

Potrebbero interessarti