Home Cultura e società “Il Borgo dei Borghi”, Geraci Siculo a un passo dal titolo. Ma vince Tropea

“Il Borgo dei Borghi”, Geraci Siculo a un passo dal titolo. Ma vince Tropea


Marianna La Barbera

Per la località madonita in provincia di Palermo un lusinghiero terzo posto

Erano in tanti a sostenere che Geraci Siculo fosse, tra le venti località in gara, in assoluto la favorita per conquistare il titolo de “Il Borgo dei Borghi“.
La sfida targata Rai 3, giunta all’ottava edizione, ha invece incoronato Tropea, in provincia di Vibo Valentia, riservando al borgo madonita in provincia di Palermo – l’unico siciliano in concorso – un lusinghiero terzo posto.
Un esito che non premia pienamente l’attività di promozione del territorio condotta negli ultimi mesi.
Soggetti pubblici e privati hanno dato vita a un intenso lavoro che ha visto in prima linea i geracesi e non solo.
Geraci Siculo ha conquistato comunque il podio e il terzo posto rappresenta un riconoscimento da non sottovalutare.
Toccherà ora alla Regione Siciliana e all’amministrazione comunale, guidata da Luigi Iuppa, non disperdere il prezioso patrimonio di consensi e visibilità che la prestigiosa vetrina nazionale del programma condotto da Camilla Raznovich ha determinato.
L’ auspicio condiviso è che Geraci Siculo possa beneficiarne come merita quando le attività turistiche e ricettive riprenderanno a pieno ritmo, terminata l’emergenza sanitaria.

PER IL COMUNE MADONITA UNA MOBILITAZIONE MASSICCIA

“Se vince Geraci, vince la Sicilia”: è stato questo il leitmotiv che ha accompagnato la possibile designazione del Comune in provincia di Palermo quale “Borgo dei Borghi”.
Un battage promozionale che ha visto tra i soggetti più attivi, oltre all’amministrazione comunale, anche la Regione Siciliana e il mondo della politica nell’accezione più trasversale.
In prima linea anche tutte le municipalità del Parco delle Madonie ed esponenti del mondo dello spettacolo, associazioni culturali e imprese turistiche.
La Sicilia ha conquistato il titolo ben quattro volte: nelle precedenti edizioni hanno vinto Gangi, Montalbano Elicona, Sambuca e Petralia Soprana.

LA CLASSIFICA

Conquistare il titolo non era certo facile né scontato, in considerazione dell’alto valore paesaggistico e delle bellezze naturali proprie di tutti i borghi in gara.
Anche l’edizione del 2021, seppure in un momento storico ed economico travagliato e denso di incognite, ha avuto il merito di accendere i riflettori sul ricchissimo patrimonio antropologico, sulle attrazioni turistiche e le tradizioni di tanti luoghi d’Italia, più meno noti.
A seguire, la classifica completa, regione per regione.

  1. Tropea (Vibo Valentia, Calabria)
  2. Baunei (Nuoro, Sardegna)
  3. Geraci Siculo (Palermo, Sicilia)
  4. Pietramontecorvino (Foggia, Puglia)
  5. Valsinni (Matera, Basilicata)
  6. Albori (Salerno, Campania )
  7. Trivento (Campobasso, Molise)
  8. Campli (Teramo, Abruzzo)
  9. Pico (Frosinone, Lazio)
  10. Grottammare (Ascoli Piceno, Marche)
  11. Corciano (Perugia, Umbria)
  12. Buonconvento (Siena, Toscana)
  13. San Giovanni in Marignano (Rimini, Emilia Romagna)
  14. Poffabro (Pordenone, Friuli Venezia Giulia)
  15. Malcesine (Verona, Veneto)
  16. Borgo Valsugana (Trento, Trentino Alto Adige)
  17. Pomponesco (Mantova, Lombardia)
  18. Finalborgo (Savona, Liguria)
  19. Cocconato (Asti, Piemonte)
  20. Issime(Aosta, Valle d’Aosta)

LA GIURIA

Oltre alle operazioni di voto on line – che hanno preso il via lo scorso 7 marzo e si sono concluse il giorno 21 dello stesso mese – determinante è stata la preferenza espressa dai componenti della giuria, tre in tutto.
Una commissione tecnica composta dalla chef stellata Rosanna Marziale, protagonista del canale tv Food Network, dal geologo Mario Tozzi, conduttore di “Sapiens” su Rai 3 e dal professore, divulgatore e dottorando in Storia dell’Arte alla Sorbona di Parigi Jacopo Veneziani.
L’esito finale, determinato dal numero di preferenze più alto, dunque, è una sintesi tra la somma del televoto e il parere espresso dai tre giudici.

TROPEA, LA PERLA DEL TIRRENO NELLA COSTA DEGLI DEI

Il primo cittadino della bellissima località calabrese, Giovanni Macrì, ha pubblicato un lungo post su facebook per commentare la vittoria.

Tropea è stata incoronata "Borgo dei Borghi"
Tropea, la perla del Tirreno

Emozione, impegno, gratitudine, senso di responsabilità e orgoglio sono i sentimenti che animano la riflessione del sindaco.
L’amministratore ha voluto idealmente condividere la vittoria con la compianta Jole Santelli.
Alla presidente della Regione Calabria, deceduta prematuramente nel 2020, Giovanni Macrì ha rivolto parole commosse.
«Come sindaco di Tropea, dedico questa grandissima conquista alla nostra giovane governatrice: cara amica – si legge sul profilo facebook dell’amministratore –  gioisci anche tu di questo successo della tua terra che va nella direzione che tu desideravi, tracciando per noi calabresi dimensioni nuove, fresche, pulite, profumate di impegno e di comunione».
Al di là del legittimo campanilismo legato a ragioni affettive e identitarie, sono in tanti, come emerge dai commenti sui social, a riconoscere la “giustizia” della vittoria di Tropea, incastonata nella magnifica Costa degli Dei.
Ma non si tratta certo del primo prestigioso riconoscimento per la cittadina in provincia di Vibo Valentia, che conta poco più di seimila abitanti.
Nel 2017 la nota rivista inglese “The Sunday Times”, le assegnò il titolo di “prima spiaggia per bellezza”.
La “sfida” coinvolgeva venti famose località turistiche sparse per l’Europa.

Potrebbero interessarti