Home Cronaca di Palermo Truffa e evasione, confiscati nuovamente i bar Chantilly a Palermo

Truffa e evasione, confiscati nuovamente i bar Chantilly a Palermo


Redazione PL

I beni erano già stati confiscati nel 2019

bar

Confisca di beni per circa due milioni di euro nei confronti di Michele Giandalone; si tratta di un imprenditore di 46 anni, accusato di truffa e auto riciclaggio. L’esproprio in primis ha riguardato i due bar Chantilly a Palermo: il primo all’angolo tra viale Strasburgo e via Alcide De Gasperi mentre il secondo all’interno del centro commerciale di via Ugo La Malfa. Inoltre, confiscati anche la società “Auto e passioni srl”, una Porsche Macan S, una casa, due magazzini tra il capoluogo e Corleone; oltre a conti correnti, depositi, investimenti assicurativi e rapporti finanziari.

La confisca dei beni è stata decisa dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. Le società di Giandalone, condannato anni fa per truffa e evasione, secondo la Guardia di Finanza avrebbero evaso l’Ires e l’Iva per 5 milioni; accumulando anche un debito di 17 milioni con l’Erario.

Secondo le indagini della Dia, nel periodo tra il 1999 e il 2008 sarebbero state riscontrate sproporzioni economiche. Ciò aveva fatto ipotizzare una provenienza illecita del denaro. Il sequestro era già stato deciso nel 2019, ma successivamente annullato dal Tribunale del Riesame.

Potrebbero interessarti