Home Ambiente e tecnologia Whatsapp rivoluziona i messaggi vocali: ecco la nuova funzione

Whatsapp rivoluziona i messaggi vocali: ecco la nuova funzione


Redazione

La novità è già su molti smartphone, su altri arriverà nelle prossime ore: Whatsapp aggiorna le modalità di registrazione dei messaggi audio

whatsapp

Una novità significativa investe il mondo di Whatsapp e certamente molti utenti tireranno un respiro di sollievo. A chi del resto non è mai capitato di registrare un vocale, ma di doverlo poi interrompere per una ragione qualsiasi? Il messaggio finiva cestinato e bisognava ripeterlo una seconda volta.

Adesso, però, non sarà più così. L’annuncio arriva su Twitter proprio dall’app di messaggistica: ora si potranno ascoltare i messaggi vocali su Whatsapp prima di inviarli al destinatario. Sarà inoltre possibile stopparli durante la registrazione e riprenderli successivamente.

A preannunciare l’innovazione erano già state diverse apparizioni sulle versioni beta per Android e iOS. Adesso, però, la novità varrà per tutti e alcuni utenti ne possono già usufruire, mentre per altri arriverà magari tra un paio d’ore o tra qualche giorno.

Ad ogni modo, finora su Whatsapp era stato possibile registrare i messaggi vocali e al massimo cancellarli in corso d’opera muovendo il dito verso sinistra durante la registrazione stessa. Si può anche evitare che la registrazione si interrompa erroneamente, bloccando l’interfaccia scorrendo col dito verso l’alto. Ma nulla di più.

Con la nuova funzione, invece, l’utente, durante la registrazione del vocale, può metterlo in pausa se ne ha la necessità. Può poi riprenderlo o decidere di cancellarlo. Il tutto grazie al pulsante Stop/Play. Questo permette anche di riascoltare l’audio prima di inviarlo.

La presenza di una timeline sta già facendo sognare, inoltre, alcuni utenti: forse un giorno sarà possibile tagliare, accorciare o modificare gli audio su Whatsapp? Non lo sappiamo, ma per il momento ci godiamo l’opportunità di non dover ripetere due e tre volte lo stesso messaggio perché magari nel frattempo qualcosa ci aveva interrotto.

CONTINUA A LEGGERE

Potrebbero interessarti