Home Cronaca L’assassino di Aldo Naro passa ai servizi sociali: “Adesso è un altro uomo”

L’assassino di Aldo Naro passa ai servizi sociali: “Adesso è un altro uomo”


Michele Cusumano

Il tribunale ha deciso: "Merita una seconda possibilità"

naro

“Congrua evoluzione della personalità” è la definizione che i giudici hanno usato per deliberare la scarcerazione di Andrea Balsano, dopo 5 anni di carcere già scontati a fronte degli 8 previsti. Adesso sconterà i 3 anni rimanenti ai servizi sociali. Tutto avvenne la notte tra il 13 e il 14 febbraio 2015 presso la discoteca “Goa” di Palermo, in cui Balsano, appena diciassettenne, faceva il buttafuori. Durante una rissa il giovane medico Aldo Naro perse la vita in seguito ad un pestaggio. Balsano confessò di essere stato lui, con un violento calcio, a determinare la morte di Naro.

GLI ESPERTI HANNO NOTATO UN CAMBIAMENTO IN BALSANO

Il tribunale ha preso in esame le relazioni degli psicologi ed educatori che hanno seguito Balsano in questi anni, dalle quali emerge un cambiamento dell’uomo, che adesso ha 23 anni e non abita più nel quartiere “Zen”, dove era ritenuto un soggetto violento e pericoloso. Tuttavia il soggetto continuerà ad essere monitorato con attenzione. Balsano sosterrà con frequenza colloqui con una psicologa dell’Asp e assistenti sociali. Non potrà lasciare Palermo né frequentare soggetti pregiudicati, così come discoteche, bar, pub o sale da gioco. Inoltre potrà uscire di casa non prima delle 7 e rientrare non dopo le 21.

A BREVE GLI ESITI SULLA RIESUMAZIONE DELLA SALMA DI NARO

Nonostante Andrea Balsano abbia dichiarato di aver ucciso da solo Aldo Naro, un’intercettazione in carcere proverebbe il contrario. “È successo un manicomio, si sono buttati sopra di me– disse Balsano a bassa voce ad un compagno di cella – Abbiamo cominciato a cafuddare e io ho dato un calcio a questo picciutteddu“. Chi oltre a Balsano avrebbe colpito Naro? La famiglia della vittima aveva chiesto e ottenuto la riapertura dell’inchiesta. Sotto inchiesta finirono altri tre buttafuori. Il Gip del tribunale di Palermo Filippo Serio a luglio aveva disposto la riesumazione della salma affinché si potessero effettuare ulteriori verifiche. L’esito degli accertamenti sarà reso noto il 15 gennaio 2021.

Potrebbero interessarti